Due anni di lavoro insieme.
Visita il sito del progetto Sottosopra.

Con il sostegno di
 



L’incontro sarà occasione per presentare il grande lavoro di raccolta e sintesi di documenti, immagini, racconti restituiti ora alla collettività in forma diffusa e multimediale e vedrà la proiezione in anteprima di un estratto di tre documentari realizzati con la collaborazione di History Lab, il canale tematico (trasmesso sul canale 602 del digitale terrestre) della Fondazione Museo Storico del Trentino.

seguici su facebook
 

SOTTOSOPRA. TRE STORIE MINERARIE TRENTINE A CONFRONTO
Trento - 8 aprile 2015 - ore 17:00
Stava - Calisio/Argentario - Darzo

Il progetto che ha permesso di unire tre territori trentini in un percorso descrittivo della crescita e poi del tramonto della locale industria estrattiva.

Incontro pubblico e presentazione dei risultati del progetto
SOTTOSOPRA!
L’incidenza dell'attività mineraria sul territorio trentino

A cura di
Fondazione Stava 1985 Onlus - Associazione La Miniera di DarzoEcomuseo Argentario
con la collaborazione di
Fondazione Museo Storico del Trentino.

Mercoledì 8 aprile 2015 ore 17.00
Sala Conferenze della Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto
Via Calepina, 1 – Trento

Scarica la locandina dell'incontro

Presentazioni a cura di:
Michele Longo, Fondazione Stava 1985 Onlus
Emanuele Armani, Associazione La Miniera di Darzo
Lara Casagrande, Ecomuseo Argentario

Modera
Alessandro De Bertolini, Fondazione Museo Storico del Trentino

Interviene
Mauro Gilmozzi, Assessore alle infrastrutture e all’ambiente della Provincia Autonoma di Trento
 
Il progetto ha permesso di unire tre territori trentini, distanti tra loro, attraverso un percorso descrittivo della crescita e poi del tramonto della locale industria estrattiva.
Diverse risorse, diverse epoche e diversi destini ma un comune desiderio di conoscere, documentare e valorizzare le tracce e la memoria di un’attività economica che ha segnato profondamente il paesaggio e il tessuto sociale dei rispettivi territori.

SOTTOSOPRA! nasce nell’ambito del bando della Fondazione Cassa di Risparmio di Trento e Rovereto riservato a realtà museali ed espositive secondo logiche di reti della cultura.


Seguirà rinfresco.